Blog


Spongada
La spongada: energia sana per il tuo sport →Spongada – cenni storici →
Castagna
Le castagne – ricche di fibre →
Farro
La farina di farro – caratteristiche →La farina di farro →
Segale
Il valore poco conosciuto della segale →La farina di segale →La segale →
Quinoa
Le proprietà della Quinoa →Quinoa – direttamente dalle Ande →
Ricette Vallecamonica
SALAME di Borno →IL CUZ di Corteno Golgi →

Sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter e sarai sempre aggiornato sulle nostre golose novità...

Quinoa – direttamente dalle Ande

19 settembre 2013

La quinoa (in spagnolo quínoa o quinua) (Chenopodium quinoa Willd) è una pianta erbacea annuale della famiglia delle Chenopodiaceae, come gli spinaci o la barbabietola. Pur non essendo un cereale, la quinoa può essere utilizzata in modo simile a questi, ed è perciò considerata uno pseudocereale. Per il suo buon apporto proteico costituisce l’alimento base per le popolazioni andine. Gli Inca chiamano la quinoa «chisiya mama» che in quechua vuol dire «madre di tutti i semi».

COLTIVAZIONE

La quinoa è testimone di biodiversità, già venerata dagli Inca come pianta sacra, viene coltivata da oltre 5000 anni sugli altipiani pietrosi delle Ande ad altitudini comprese tra 3800 e 4200 metri. È una pianta resistente che non richiede particolari trattamenti. Produce una spiga (panicolo) ricca di semi rotondi, simili a quelli del miglio. Le migliori varietà crescono nei territori salmastri del Salar, nelle zone di Oruro e Potosì (Quínoa real).

Per il ruolo quasi sacro che la quinoa aveva presso le popolazioni andine, all’epoca della conquista spagnola si ebbe l’ovvio conflitto con la cultura cattolica che, al contrario, considera sacro il pane di frumento, e quindi il grano. La coltivazione della quinoa venne così combattuta e scoraggiata; solo in un secondo tempo, quando apparve evidente il miglior adattamento della quinoa all’ambiente andino, la sua coltivazione riprese piede. Pur essendo una coltivazione di potenziale interesse economico, la quinoa risulta difficilmente coltivabile in ambienti con clima diverso

ANNO INTERNAZIONALE DELLA QUINOA

Il 2013 è stato dichiarato, da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, Anno Internazionale della Quinoa, come riconoscimento per i popoli indigeni andini, che hanno mantenuto, controllato, protetto e conservato la quinoa come cibo per le generazioni presenti e future attraverso la conoscenza e le pratiche del vivere in armonia con la natura. L’obiettivo è quello focalizzare l’attenzione del mondo sul ruolo che la quinoa gioca a sostegno della biodiversità, sul suo valore nutritivo, sull’eliminazione della povertà a sostegno del raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo del millennio.