Storia e tradizioni

L’impronta dela Pasqua

3 aprile 2018

di Germano Melotti

El cacia fò ‘l müs l’urs dala tana,
i ràmpega al sul i prim fiur ensornià.
El slüma le cime el pastürèl dala lobia,
ntat che ‘l deléguà i ültem sgrìsoi de l’anveren.

I cerca le bocole i bücc dele patape
con tel pensér la tera moòsta dal prosènder.
I ciàpa care i prà, sgurà dai cüradìcc,
dala fina bìsia che la cùa dal Tunal.

I pòsta le none la spòrgola sola vià del müt
par rampegà cü sò neudì susùra ‘l crap plü guìs
‘ngo l’ha lagandré la suà Impronta in Om Risort
prima da ciapà el vul par el Paradis!

Tradusiù
Si desta dal letargo l’orso dalla tana mentre s’innalzano al sole primaverile i primi fiori ancora assonnati. Osserva le cime il pastore, dai loggiati di legno, mentre si scrollano gli ultimi brividi invernali.
Cercano la luce i germogli delle patate infatuati della terra vivificata dall’aratura. Lievi carezze dona l’aria fine, proveniente dal Tonale, ai manto erbosi pettinati a festa.
S’incamminano le nonne sulla strada che porta al monte per mostrare ai loro nipotini quella roccia più alta delle altre che porta l’Impronta lasciata dall’Uomo Risorto prima di elevarsi nell’azzurro del cielo.

Condividi:

News recenti


Benvenuti...

3 Maggio 2018

Loading